homepage / info e contatti / mailing list / archivio

 

I CORSI

I DOCENTI

I LUOGHI

 


 

Centro di Spiritualità e Cultura

Centro di Spiritualità e Cultura

Marola
(Reggio Emilia)

Il Centro, a 800 m. s.l.m. nel cuore dell’Appennino Reggiano, si trova nel luogo in cui sorgeva nell’XI secolo l’antico romitorio di Giovanni da Marola. La Chiesa abbaziale venne costruita nell’ultimo decennio dell’XI secolo per volere della Contessa Matilde di Canossa sulla strada denominata “via matildica”. Nello stesso periodo, venne eretto un eremitorio sul fianco sud della chiesa che divenne alcuni anni più tardi monastero benedettino. Nel corso dei secoli subì alterne vicende, da periodi di grande splendore ad un graduale decadimento; nel 1824 divenne sede del Seminario Vescovile e tale rimase fino al 1972. Da allora ha avuto inizio una nuova fase con la creazione del Centro Diocesano di Spiritualità.

www.appenninoreggiano.it

 

Come arrivarci:

IN TRENO: arrivo alla stazione ferroviaria di Reggio Emilia e da lì nostro servizio pullman.

IN AUTO: Dall’autostrada A1 uscire a Reggio Emilia, immettersi nella tangenziale mantenendo la direzione La Spezia “Passo del Cerreto” – Castelnuovo ne’ Monti, percorrere la SS63 attraversando i paesi: Rivalta, Puianello, Vezzano sul Crstolo, La Vecchia, Il Bocco, proseguire attraversando le 6 gallerie, al termine della sesta, denominata “Seminario” uscire, proseguire in direzione Casina, dopo circa 1 km. a sinistra si trovano le indicazioni “Badia Romanica” e “Centro Diocesano di Spiritualità”. Seguire la strada per circa 1 km. e si arriva al Centro.

 

I CORSI


17 / 23 agosto

GRANDI DONNE PER DIO TRA STORIA, AGIOGRAFIA E ARTE

Dott.ssa R. GIORGI - Prof. M. PANZANINI

Mentre papa Francesco segna in maniera sempre più netta l’importanza del ruolo della donna nella Chiesa, affrontiamo la storia per conoscere da vicino alcune delle figure femminili che ne hanno fatto parte in maniera determinante. Dalle prime donne che seguivano Gesù (come Maria Maddalena) alle prime martiri, dalle monache che sceglievano una vita ritirata sull’esempio di indiscutibili figure come San Benedetto o San Francesco (così Scolastica o Chiara), alle grandi mistiche. Non si dimenticheranno madri e spose pronte a seguire Gesù nella loro vita, attraversando diversi secoli dal primo al XVI. Con l’aiuto della storia dell’arte, daremo un volto ed un aspetto possibile a ciascuna di loro, indagando la fede e la devozione rivissute nelle grandi opere d’arte secondo la restituzione dei primi artisti cristiani, o del medioevo come Giotto e Simone Martini, del Rinascimento che coinvolse i maggiori artisti e dell’epoca post tridentina che vide le nuove appassionate trasformazioni del tema.

 

back to i luoghi