homepage / info e contatti / mailing list / archivio

 

I CORSI

I DOCENTI

I LUOGHI

 


 

Casa Tabor

Istituto Domus Ciliota

San Zeno di Montagna (VR)

La Casa, un moderno monastero, è adagiata sulla montagna come una gradinata, a 700 m. di altitudine e con vista sul lago; è stata pensata e voluta nel rispetto dell’ambiente che la circonda e rivela la profonda relazione e armonia tra struttura architettonica e natura circostante. In essa sono tanti i luoghi importanti, che invitano alla riflessione e alla preghiera, come la Cappella che ospita il mosaico di Marko Ivan Rupnik, L’incoronazione della Vergine; e poi il chiostro, collocato in alto ed aperto a simboleggiare il desiderio di incontro e di relazione. L’accoglienza è curata da una comunità di Suore Orsoline di Verona, figlie di Maria Immacolata. I dintorni offrono la possibilità di passeggiate rilassanti nel verde.

www.orsolinecasatabor.it

 

Come arrivarci:

IN TRENO:arrivo alla stazione ferroviaria di Verona Porta Nuova e da lì nostro servizio pullman.

IN AUTO: A22 Verona - Brennero, uscita Affi, seguire le indicazioni per Prada, S. Zeno di Montagna. Arrivati a San Zeno, dopo il ristorante “Paradiso imperfetto” e la Pizzeria “Giardinetto” sulla destra seguire le indicazioni per Lumini. Si percorrono 5’ in salita e si arriva all’albergo “Belvedere” che resta sulla sinistra. Dopo il Belvedere prendere la strada in discesa a sinistra (Via Capra), subito dopo le villette a schiera, prendere la prima strada a destra, in fondo c’è la casa.

 

 

I CORSI

24 / 30 agosto

DISAGIO DELLA CIVILTA’ E FILOSOFIA DEL DENARO

Prof. A. BRANDALISE - Prof. F. VALAGUSSA

La nostra epoca si caratterizza sempre più come “civiltà del virtuale”. Si potrebbe dire che la smaterializzazione costituisce una delle tendenze generali del nostro tempo: il denaro si emancipa progressivamente da ogni nesso reale con le strutture di produzione; l’epistemologia delle discipline scientifiche inclina verso una dimensione statistico-probabilistica; le relazioni interpersonali vengono trasferite in misura massiccia sulla piattaforma dei social network. Senza cedere a riduzionismi e semplificazioni, non si può non sottolineare come tale trasformazione sia accompagnata dal rideterminarsi di quello che Freud ha chiamato il disagio della civiltà. L’esperienza culturale e artistica del nostro tempo ha elaborato questo rapporto ai livelli più diversi, dalla speculazione filosofica, all’indagine sociologica, alle varie declinazioni della fiction. Cercheremo d’indagare il tema interrogando il pensiero di figure come Simmel, Freud, Mann, Musil, Krauss.

 

back to i luoghi